Cucciolo restituito per l’undicesima volta al rifugio, poi il personale si accorge di ciò che sta accadendo

Il processo di adozione di un cane non è mai facile. La gente potrebbe pensare che lo sia, ma comporta una grande responsabilità, soprattutto se l’animale che sta per essere adottato ha attraversato momenti difficili nella sua vita in passato. Ma anche attraverso le difficoltà, si scopre che alcuni degli animali domestici più gratificanti sono quelli che sono stati più difficili da allevare.

Nessuno capiva perché Benji continuasse a essere restituito al rifugio dopo essere stato adottato. Erano ormai 11 volte e tutti i suoi proprietari continuavano a fornire scuse ovviamente false e deboli. Solo quando la nuova tirocinante decise di portare Benji a casa con sé, scoprirono cosa c’era di veramente sbagliato in Benji.

E nessuno al rifugio avrebbe potuto prevederlo…

Restituire nuovamente Benji

Benji era un meticcio e nessuno sapeva con certezza a quale razza appartenesse. Era una combinazione di Labrador Retriever e Golden Retriever, con un po’ di Asian Village Dog aggiunto per buona misura. Era un bravo ragazzo quando era al rifugio; tuttavia, sembra che non riesca a stare con una famiglia per un certo periodo di tempo.

Mentre Stacy tornava al rifugio, era sotto l’influenza dell’evento ed era visibilmente scossa. Benji si stava appisolando sul sedile posteriore dell’auto. Stacy era sopraffatta dal senso di colpa perché era stata così sicura di poter assistere questo povero cane, ma ora doveva essere riportato al rifugio per la dodicesima volta. Ma almeno avevano capito perché era successo…

Pubblicità

Potrebbe interessarti