Affrontare la preparazione del bollito misto è come approcciarsi ad un’antica ricetta di cui non si può stravolgere nulla. Negli anni non tutti hanno rispettato le quantità di carni previste per questa ricetta, ma è corretto dirlo: per preparare il bollito originale servono sette tagli di carne differenti.

Un piatto della domenica, il trionfo del mangiare in compagnia, ma soprattutto del cibo a chilometro zero, un prodotto che arrivava dagli allevamenti casalinghi e dalle cascine e che diventava materia prima per pranzi e cene.

Il bollito misto è accompagnato da verdure bollite nella stessa acqua della carne, e quindi nel suo brodo, ma anche da salsine molto saporite, piccanti o agrodolci. Questi intingoli di solito si preparano in casa, anche se oggi si possono trovare in vendita, con ricette tramandate dalle mamme o dalle nonne.

Vediamo quindi come preparaci alla cottura lenta delle carni e alla tavola imbandita che ci aspetta

Scopri come realizzare un gustoso bollito misto >> 

Gli strumenti

Ovviamente quando si parla di carni differenti si parla anche di tempi di cottura diversi. I tagli scelti di solito per il bollito misto sono: il reale, la punta di petto, il fiocco di punta, il cappello da prete, il noce, il tenerone e la culatta. Questi tagli possono condividere la stessa pentola, ma le frattaglie no, quindi per comodità dovrete procurarvi delle pentole alte capaci di contenere acqua, verdure e carni.

bollito la ricetta

L’articolo prosegue nella prossima pagina

Carne e Verdure

Insieme ai sette tagli di carne il vero bollito misto alla piemontese include anche la lingua di vitello, il cotechino, la gallina, la testina, la coda, la lonza e lo zampino. Per non parlare di tutta una serie di verdure tra cui le patate bollite, le foglie di verza e le rape lesse.

verdure bollito

L’articolo prosegue nella prossima pagina>>>

Cuocere i tagli del bollito

Tutte le tipologie di carne (tagli, frattaglie e gallina) richiedono una cottura lenta di circa due ore, cuocere tutti i tagli contemporaneamente è la regola, ma potete decidere di consumarne meno a seconda dei vostri gusti, tutti però vanno legati e steccati con i chiodi di garofano e schiumati molto spesso. Alla fine del processo potete adagiare le fette di carne su alcuni taglieri e gustarli con gli accompagnamenti.

la ricetta del bollito

L’articolo prosegue nella prossima pagina>>>

Il bagnetto verde

Storico tanto quanto il bollito stesso, il bagnetto verde (diretta traduzione dal piemontese all’italiano) è una salsa a base di prezzemolo adattissima ad accompagnare le carni. Gli ingredienti base, oltre alla pianta aromatica principale, sono le acciughe, l’aglio, l’aceto e l’uovo sodo. Con un filo di olio si frulla il tutto e il risultato è ottimo, saporito e pungente.

bagnetto verde

Se ti è piaciuta questa ricetta condividila su Facebook!