I brutti ma buoni sono biscotti molto dolci alle nocciole. Vengono chiamati così poiché la loro forma non è del tutto definita. La loro peculiarità infatti è proprio questa, biscotti buonissimi e altrettanto facili da preparare perché non hanno bisogno di essere sformati.

Questi biscotti possono essere realizzati sia con le mandorle che con le più originali nocciole. La scelta di una granella di frutta secca nella ricetta, permette ai brutti ma buoni di risultare croccanti al palato ma morbidi sul finale.

Questi dessert infatti sono ottimi da sposare con un tè o il latte a merenda, anche se non sono da inzuppo. Risultano anche molto azzeccati per un fine pasto, magari abbinato ad una leggera crema inglese.

I brutti ma buoni hanno una realizzazione molto facile e come da tradizione per quelli che sono i biscotti, hanno necessità di una doppia cottura. I passaggi però risultano semplici e intuitivi così da ottenere questi dolcetti in breve tempo e con poca fatica.

L’articolo prosegue nella prossima pagina >>