cucine da incubo segreti programma

È uno dei programmi più seguiti della nostra televisione, tra quelli di cucina si intende. Dopo il successo di Masterchef è arrivato sui nostri schermi un altro format portato al successo da Gordon Ramsay e dalla sua produzione: Cucine da Incubo.

I segreti di Cucine da incubo sono molti, dalla scrittura delle puntate da parte degli autori, alla partecipazione dei proprietari dei ristoranti, fino alla loro sorte e a come e se si sono ripresi dopo il programma.

Lo chef Antonino Cannavacciuolo ha saputo farsi amare dal grande pubblico grazie al suo carisma, al suo spirito partenopeo e alla sua grinta. Ogni puntata un ristorante in crisi incontrava i suoi consigli nel campo della ristorazione  e un makeover finale rilanciava il locale.

Ovviamente non tutte le storie hanno un finale positivo, qualche locale ha chiuso, altri invece hanno brindato a nuova vita, grazie alla pubblicità, ai nuovi menù e ai tanti nuovi clienti.

Scopriamo insieme il dietro le quinte di Cucine da incubo e i suoi segreti.

1) Il format

Una volta era Ramsay’s Kitchen Nightmares ovvero il format originale di Cucine da incubo. Il famoso chef Ramsay visitava locali sull’orlo del baratro, cambiava lo spirito del locale e lo stato d’animo dei concorrenti fino alla ristrutturazione e alla presentazione finale, in cui i clienti assaporavano nuovi e gustosi piatti in un locale nuovo e splendente.  Tra i segreti di Cucine da incubo: l’originale format è andato in onda prima nel Regno Unito e poi negli Stati Uniti dal 2007 al 2014, il nostro Cucine da incubo è iniziato nel maggio del 2013.

segreti di cucine da incubo

2) Lo chef al timone

Tutti lo conoscono ormai, ma chi si ricorda di Antonino Cannavacciuolo prima della sua apparizione nella prima stagione di Cucine da incubo? Lo chef si è fatto amare dal grande pubblico grazie alla sua forte personalità e al suo talento nel proporre piatti semplici, ma ricchi di gusto capaci di risollevare le sorti dei locali italiani. Meno iracondo di Gordon Ramsay (e anche leggermente meno offensivo) Cannavacciuolo ha saputo conquistare puntata dopo puntata gli spettatori dei programmi tv di cucina. Prima del successo televisivo comunque, lo chef aveva già un ristorante (Villa Crespi) e ben due stelle Michelin.

segreti di cucine da incubo

3) Realtà o Reality?

Ma sarà tutto vero quello che viene trasposto nelle puntate del programma? Uno dei segreti di Cucine da incubo è proprio quanto ci sia di vero in ogni racconto dei ristoratori in crisi. Sembra che Ramsay dal canto suo abbia addirittura ricevuto una querela con l’accusa di inscenare tutto. La causa si è conclusa con un accordo fuori dalla corte. Di certo non c’è nulla, sappiamo però che ogni programma ha degli autori e una produzione, sappiamo che i ristoranti sono davvero in difficoltà e che dopo alcuni si sono risollevati alla grande. Merito del programma, del menù, dei nuovi clienti o di Cannavacciuolo? E se fossero tutte queste cose insieme?

segreti di cucine da incubo

4) Il programma

L’idea è sicuramente geniale: ognuno di noi ha avuto almeno un’esperienza negativa in un ristorante o meglio, molti di noi si fanno un’idea dell’attività e quasi inconsciamente danno suggerimenti in base ai loro gusti. È altrettanto vero che è importante la zona in cui si apre l’attività, cercare di capire quale clientela ci si aspetta e soprattutto offrire cibo di qualità. In Italia è fondamentale, come il discorso igiene, che è quello che fa infuriare di più sia chi conduce, sia chi segue il programma. L’originale versione inglese aveva come focus il cibo, qualche giornalista di numerose testate americane sostiene che la versione USA abbia dato più spazio alle vicende famigliari. In Italia si strizza l’occhio alla versione originale, Antonino Cannavacciuolo infatti non solo presenta le ricette ai ristoratori, ma anche agli spettatori a casa.

segreti di cucine da incubo

5) Ancora Cucine da incubo?

Gordon Ramsay ha deciso di chiudere il programma dopo 7 stagioni di successo, sviluppate in due Paesi. In Italia siamo al quinto anno consecutivo e alla sesta stagione. A detta dei clienti molti ristoranti sono aperti e altrettanti hanno chiuso i battenti. All’inizio il programma andava in onda sul canale satellitare Fox Life, ma ha avuto talmente successo che dalla quarta stagione è passato sul canale NOVE in chiaro.

segreti di cucine da incubo

6) Ristoranti aperti o chiusi?

È uno dei segreti di Cucine da incubo che più appassiona chi si è fatto trascinare nel vortice dei ristoranti da rinnovare. Si trovano diverse notizie online, ma sembra che in generale Cannavacciuolo abbia battuto Ramsay nel salvare più ristoranti di quanti ne siano stati chiusi a telecamere spente. Certo è possibile che alcune attività abbiano cambiato gestione, mentre altre abbiano continuato a servire i propri piatti a dispetto dei consigli dello chef. Almeno fino ad ora c’è voglia di resistere nel nostro Paese. C’è da considerare comunque che sette anni di programma sono tanti e l’economia cambia notevolmente nel giro di pochi anni, speriamo che intanto i consigli degli chef più amati dagli spettatori di tutto il Mondo abbiano dato buoni consigli a chi un’attività deve ancora aprirla.

segreti di cucine da incubo

Se vi è piaciuto questo articolo condividetelo con gli amici su Facebook!